Wheels


Bucare nuovamente la gomma anteriore sinistra vicino ad "un'officina" di riparazione gomme, dopo che per centinaia di chilometri non incroci nemmeno una macchina non è fortuna, è rapina con strada chiodata. Capisco che qualcosa per vivere devono trovare, anzi no, non lo capisco, sono degli stronzi e non aggiungo altro, ho perso il controllo della macchina e quasi finisco contro un'albero. Un'ora per riparare la foratura con presentazione del conto pari a 600 dollari namibiani, ovvero 45 euro. Con gli stronzi bisogna essere stronzi alla seconda, fingo di non avere soldi e sgancio 100 dollari namibiani, anche troppi, tanti saluti da "l'italiano brava gente" e onestamente, vaffanculo. La giornata migliora solo alla vista della nostra prima giraffa, mangia foglie poco lontano osservandoci tranquilla. Ci sono molti animali in questa zona, compresi rari esemplari di rinoceronte nero. Ovviamente non lo vediamo così come non siamo riusciti a vedere il leone del deserto sulla skeleton coast, creature solitarie e schive, ne hanno tutte le ragioni. Arriviamo a sesfontain, gironzoliamo per un po e ci dirigiamo verso nord in una tappa obbligata ad epuwo. Siamo stanchi per la guida e a causa di un tratto interrotto siamo obbligati a deviare verso il passo nella D3709, pessima strada con tratti veloci a massimo 40 km orari.

Epuwo raggiunta senza forature, nonostante un terreno tossico per i pneumatici, forse perché non abbiamo incontrato "officine di riparazione". In lingua herero opuwo significa "la fine", capitale del damaraland e ultimo centro abitato fino al confine angolano. Fine pure per alcuni Himba seduti sui lati di strade sporche e polverose, venditori di oggetti inutili, simboli di degrado da portare a casa e far vedere ai parenti. Quando ho viaggiato ho cercato di evitare il più possibile di interferire eccessivamente con tribù e popolazioni diverse dalla mia. Come tutti gli equilibri che esistono in natura ed essendo l'uomo stesso parte essenziale della natura, non credo sia corretto visitare popolazioni con un fine che si rivela solo ed esclusivamente ludico, ad Opuwo invece si può trovare l'esempio di gente distrutta da un turismo stupido e volgare. Quale scambio di esperienze, di emozioni e quale accrescimento possiamo ottenere nel vedere gente trasformata in venditori di gadget in mezzo a strade sporche e maleodoranti. Bisogna essere osservatori discreti nei confronti di altri popoli, evitando assolutamente di diventare complici dello scempio che abbiamo potuto vedere. Stessa cosa vale con la natura, si può avere un contatto immediato e primordiale a patto di avere la sensibilità per poter entrare in sintonia con essa. La stesso tipo di sensibilità deve essere utilizzata quando ci si avvicina ad altri esseri umani, bisogna riuscire ad immergersi totalmente nell'emozione del contatto sapendo cogliere l'attimo, per poi andarsene lasciando tutto intatto come lo è sempre stato.


Post in evidenza
I post stanno per arrivare
Restate sintonizzati...
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

©2018 Canclini Giovanni | All rights reserved